Marco Pintauro | Fondi pensione: Perchè è folle non averlo?
 

Fondi pensione: Perchè è folle non averlo?

Fondi pensione: Perchè è folle non averlo?

Per molti anni, gli esperti finanziari hanno cercato di far comprendere alle giovani generazioni che il problema del gap pensionistico è una sfida inevitabile per il futuro. Un’indagine recente condotta da Anima Sgr nel gennaio 2024 ha rivelato che il 90% degli intervistati considera questo problema molto o abbastanza importante, dimostrando una diffusa preoccupazione riguardo alla pensione.

Tuttavia, nonostante questa consapevolezza diffusa, solo il 54% degli intervistati agisce attivamente per affrontare la questione. In realtà, il numero di coloro che pianificano seriamente la costruzione della loro pensione integrativa è probabilmente inferiore, poiché molti che aderiscono ai fondi pensione non contribuiscono regolarmente, con un importo medio accumulato di soli 22.000 euro, insufficiente per garantire una pensione adeguata.

Quali sono i motivi che spingono gli italiani a rimanere lontani dai fondi pensione?

Secondo l’indagine di Anima, i potenziali sottoscrittori sarebbero più propensi ad aderire se comprendessero meglio i benefici relativi alle modalità di accesso al capitale accumulato (83%), ai vantaggi fiscali (76%) e al contributo del datore di lavoro (75%).

La facilità di prelievo, la minor tassazione e le agevolazioni collettive sembrano essere i punti chiave su cui concentrarsi per avvicinare le persone alle forme di previdenza complementare.

La missione è quindi quella di comunicare in modo chiaro ed efficace questi aspetti, poiché il gap di conoscenza confermato dagli intervistati è significativo: meno del 40% afferma di conoscere bene la materia, e questa percentuale potrebbe essere ancora più bassa a causa di una eccessiva fiducia in se stessi e superficialità.

 

Riassumiamo quindi le informazioni più importanti da trasferire su ciascun punto:

ACCESSO AL CAPITALE ACCUMULATO

Molte persone sono preoccupate dalla possibilità di accesso immediato ai propri investimenti. È importante chiarire che i fondi pensione sono progettati per la pensione e hanno restrizioni sull’accesso anticipato per evitare l’impulso di utilizzare i fondi per altri scopi. Tuttavia, ci sono opzioni di anticipo per situazioni particolari come gravi problemi di salute o l’acquisto della prima casa dopo un certo periodo di adesione.

 

TEMA FISCALE

In un paese con un sistema fiscale elevato, è comprensibile che le persone siano sensibili al tema fiscale. I vantaggi fiscali legati ai fondi pensione, inclusa la deducibilità dei contributi versati e l’esenzione dall’imposta di bollo.

quei vantaggi – validi ancora oggi – paiono dimenticati o quanto meno trascurati.

Ricordiamoli brevemente:

La più nota e consistente agevolazione rimane la deducibilità dei contributi versati alle forme di previdenza complementare, nei limiti dei 5.164,57 euro su base annua. Tale somma, che può comprendere anche i versamenti effettuati per familiari a carico, consente pertanto di abbattere il reddito imponibile e di godere immediatamente di un risparmio fiscale pari all’aliquota marginale IRPEF sostenuta.

A titolo esemplificativo, una persona che guadagna 50.000 euro lordi all’anno e che versa 5.000 euro al fondo pensione ottiene un risparmio immediato di 1.750 euro (35%).

Questi soldi potranno essere inoltre investiti nei mercati finanziari accrescendoli ulteriormente!

Insomma il vantaggio c’è e non è banale.

 

TEMA PREVIDENZA
In momento dove ormai il trend è quello di avere pensioni sempre più basse, lavorare in età sempre più adulta. Non è forse sconsiderato non avere un fondo pensione che ci garantisca protezione, sostentamento e libertà?

Buona salute finanziaria.

Se vuoi analizzare i tuoi investimenti gratuitamente o fissare un incontro conoscitivo:

Marco.pintauro@pfafineco.it

-3406113227

 

Nessun commento

Scrivi un commento